Ti trovi in:

Home » La comunità » Comunicazione » Ufficio Stampa » Tavoli di discussione Piano Stralcio della Mobilità, resoconto finale

Menu di navigazione

La comunità

Tavoli di discussione Piano Stralcio della Mobilità, resoconto finale

di Giovedì, 18 Aprile 2019
Immagine decorativa

Resoconto finale dei tavoli di discussione inerenti il Piano Stralcio della Mobilità del Piano Territoriale della Comunità Alto Garda e Ledro. I tavoli si sono svolti mercoledì 10 aprile ed erano aperti a cittadini e a tutti i portatori di interesse. 

1. Premessa

Con deliberazione del Consiglio della Comunità n. 36 del 29.11.2018 è stato approvato (1^ adozione) il progetto di Piano Stralcio della Mobilità (PSM). Il PSM, completo di tutti gli elementi costitutivi, è depositato dal 07.03.2019 presso la sede della Comunità a disposizione del pubblico ed è pubblicato sul sito della Comunità http://www.altogardaeledro.tn.it/Aree-Tematiche/Urbanistica-e-CPC/Ufficio-di-piano, affinché chiunque possa prenderne visione e presentare alla Comunità osservazioni nel pubblico interesse, entro il termine di 90 giorni (art. 32 L. P. n. 15/2015), ovvero entro il 05.06.2019.
I Tavoli di discussione sono stati organizzati al fine di diffondere i contenuti del Piano Stralcio della Mobilità e di ampliare la partecipazione dei cittadini e dei portatori di interesse.

2. Resoconto

I lavori sono iniziati ad ore 17.40 e, come da programma, il consigliere della Comunità ing. Viglietti Ezio ha introdotto i Tavoli e presentato il Piano Stralcio della Mobilità, con l’ausilio di slide messe a disposizione dal Servizio Pianificazione della Comunità, fino ad ore 18.15 circa.

A seguire è intervenuto il facilitatore incaricato arch. Andrea Piccioni il quale, dopo essersi presentato, ha ricordato il quadro normativo di riferimento (art. 32 L. P. n. 15/2015) nell'ambito del quale devono essere essere svolti i tavoli (fase della presentazione delle osservazioni).

Ha inoltre specificato che le osservazioni nel pubblico interesse emerse nel corso dei Tavoli di discussione dovranno essere presentate o inviate alla Comunità, debitamente sottoscritte, entro il termine di legge perentorio del giorno mercoledì 05.06.2019.

Il facilitatore arch. Piccioni ha aperto il Tavolo 1 “Progetto di mobilità veicolare e su rotaia, compresi i parcheggi”, concordando con i partecipanti che avrebbe scritto le osservazioni emerse, in modo sintetico, su fogli di carta in formato 70x100cm. I lavori del Tavolo 1 si sono conclusi ad ore 20.00.
Si è concordata una pausa da ore 20.00 ad ore 20.15.
Ad ore 20.12 è iniziato il Tavolo 2 “Trasporto pubblico locale (TPL)”, che si è concluso ad ore 21.10.
A seguire si è svolto il Tavolo 3 “Mobilità ciclopedonale; altra mobilità (mountain bike, downhill); smart mobility (car sharing, car pooling)”, da ore 21.10 fino ad ore 22.30.
I lavori si sono conclusi poco dopo le ore 22.30.
Nel complesso si è registrata un’ampia e qualificata partecipazione, di circa 40 persone, esclusi il personale della Comunità, il consigliere Viglietti, e i rappresentanti della stampa.

3. Elenco delle questioni emerse ai Tavoli di discussione

Segue l’elenco delle questioni emerse ai Tavoli di discussione, ovvero la trascrizione delle note riportate dal facilitatore incaricato arch. Piccioni.

TAVOLO 1 “Progetto mobilità veicolare e su rotaia, compresi i parcheggi”
Integrazione con analisi dei flussi differenziando le diverse tipologie di utenti più dati domanda offerta analisi modellistica.
Indagare le relazioni tra urbanistica e mobilità anche in proiezione.
Contemplare modalità di spostamento alternative.
Allontanare dall'Alto Garda il traffico e localizzare hub più parcheggi in strutture di attestamento “esterne”.
Sostituire “mini TAV” con sistemi quali tram-treno per intercettare più utenze possibili (da Mori-Loppio-Nago-Maza-Arco-Riva- Torbole con connessione battelli); razionalizzare rete viabilistica.
Collegare parcheggi Caneve Arco per sgravare il centro/giardini con creazione hub a Caneve.
Individuare più punti di connessione ciclabile.
Per Ledro/Tremalzo bus elettrici (dalla Baltera).
Riportare percorso ciclabile del Garda.
Risolvere problemi di interferenza ciclabili/viabilità (sicurezza).
Collegamento piana di Linfano/Soardi Center con tunnel doppia canna ed abbandonare il tunnel monocanna in fase di realizzazione.
Informazione e sensibilizzazione per incentivare mobilità sostenibile attivando le opportunità della L.p.6/2017.
Istituire osservatorio della mobilità per coordinare gli interventi delle amministrazioni comunali.
Comune di Dro fraz. Ceniga 3 rotatorie:
- Via Zandonai/S.Lucia in loc. Giare
- Loc. Filanda per Drena vicino al cavalcavia
- Nord di Dro Via Mazzini /45 bis.
Sistema varchi intelligenti sulle principali vie d'accesso.
Stralciare previsione di collegamento galleria Orione/Via Monte Oro.
Astoria /Depuratore Arena stralciare perché superata.
No potenziamento Linfano da rotatoria su gardesana fino a Via Sabbioni.
Stralciare potenziamento Valle di Ledro.
Fare z.t.l a S.Giorgio e sfruttare viabilità interpoderale.
Chiarire “collegamento funzionale” Pietramurata.
Istituire navette per collegamento zone montane.

TAVOLO 2 “Trasporto Pubblico Locale (TPL)”
Problemi di accessibilità al trasporto pubblico da parte di soggetti con disabilità (autobus e fermate) serve azione di sbarrieramento.
Manca concreta prospettiva di riduzione del traffico veicolare e relativi impatti ambientali.
Integrare con studio sulla mobilità condivisa.
offrire collegamenti con mezzi elettrici tra Ledro e Tremalzo e Ledro Rif. Pernici.
Integrare TPL in zona produttiva di Arco e Polo di Ceole.
Declinare alla scala di area vasta gli obiettivi della L.p.9/2017.
Introdurre in via sperimentale la gratuità del TPL per due anni.
Riorganizzazione con allargamento a Dro del TPL in tempi più che brevi.
Rivetta non funziona con la viabilità – rivedere il percorso con collegamento anche con stazione.
Introdurre servizio a chiamata per zone a domanda debole.
Verificare tav. PM5 (versione).
Puntare sulle linee dirette Riva Arco Bolognano Torbole.
Collegare hub Baltera con TPL (elettrico).
Mancano collegamenti est-ovest.
Ridurre dimensioni autobus.
Fare stazione rifornimento metano.
Collegare Nago-Bolognano direttamente.
Nuovo hub su discarica e a Baltera solo parcheggi di attestamento.
Servizio Pubblico allargato alle ore notturne con più frequenza.

TAVOLO 3 “Mobilità ciclopedonale; altra mobilità, smart mobility”
stralciare ciclopedonale da lago di Cavedine.
regolamentare l’uso di ausili per la mobilità da parte dei disabili compresa la segnaletica su strade e marciapiedi.
Pista ciclabile da Nago a Torbole con sottopasso e collegamento su percorso esistente a valle.
Integrare tratto collegamento Nago Torbole.
Inserire dorsale interna fascia lago da ex stazione a Hotel Du Lac.
Uso battello quale alternativa alla ciclabile tra Torbole e Navene.
Servizi lungo le ciclabili.
Adeguamento ciclabili dimensione.
Inserire ciclabile Via Nardelle (a Varignano Via Crosette non esiste, Via Sabbioni Via Aldo Moro).
Riconsiderare ciclabile lungo lago di Ledro.
Abolire previsioni downhill e concentrarlo solo su alcuni punti.
Pedonalizzare sentiero del Troc a Tiarno fino Lago d’Ampola.
Stralcio collegamento meccanico con castello di Arco.

4. Presentazione delle osservazioni

Le osservazioni nel pubblico interesse (art. 32 L.P. n. 5/2015), conseguenti ai lavori ed alle proposte che sono emerse nel corso dei Tavoli di discussione devono essere presentate o inviate o presentate, debitamente sottoscritte, entro il termine di legge perentorio del giorno mercoledì 05.06.2019, esclusivamente al seguente indirizzo:

Comunità Alto Garda e Ledro – Ufficio protocollo 2° piano
via Rosmini, 5 b
38066 Riva del Garda

e-mail: ufficiodipiano@altogardaeledro.tn.it
pec: info@pec.altogardaeledro.tn.it

Per eventuali informazioni: tel. 0464 571775 / 571776.

Le osservazioni presentate saranno valutate ai fini della 2^ adozione definitiva del Piano Stralcio della Mobilità.
Le osservazioni che saranno accolte faranno parte del progetto di piano modificato.

Classificazione dell'informazione

Argomento

comunicazione istituzionale

comunicazione istituzionale