Ti trovi in:

Home » La comunità » Comunicazione » Ufficio Stampa » Più di 2 milioni di euro per ciclopedonali e Ponale

Menu di navigazione

La comunità

Più di 2 milioni di euro per ciclopedonali e Ponale

di Venerdì, 10 Agosto 2018
Immagine decorativa

Ammontano a 2.356.000 euro le risorse economiche impegnate dalla Comunità Alto Garda e Ledro in accordo con le sette amministrazioni comunali dedicate alla realizzazione di piste ciclopedonali su tutto il territorio e altri interventi mirati. 

Ammontano a 2.356.000 euro le risorse economiche impegnate dalla Comunità Alto Garda e Ledro in accordo con le sette amministrazioni comunali - di cui 900.000 euro provenienti dal Fondo strategico territoriale (anno 2018) e 1.456.000 euro dall’Avanzo di amministrazione della Comunità - dedicate alla realizzazione di piste ciclopedonali su tutto il territorio e altri interventi mirati come le opere di mitigazione del rischio del Sistema Ponale. È quanto emerso dalla Conferenza dei sindaci e dalla successiva conferenza stampa tenutasi questa mattina a Riva del Garda, presso la sede della Comunità. All’appuntamento hanno partecipato il Presidente della Comunità Alto Garda e Ledro Mauro Malfer, il sindaco del Comune di Riva del Garda Adalberto Mosaner, il sindaco del Comune di Arco Alessandro Betta, il sindaco del Comune di Nago-Torbole Gianni Morandi, il sindaco del Comune Tenno Gianluca Marocchi, il vicesindaco del Comune di Dro Michela Calzà, il sindaco del Comune di Ledro Renato Girardi, il Presidente della Conferenza dei sindaci e sindaco del Comune di Drena Tarcisio Michelotti e Marco Benedetti, Presidente di «Garda Trentino».

L’intesa tra i sindaci dei sette comuni e la Comunità, che sarà formalizzata nei prossimi giorni, prevede lo stanziamento di: 450.000 euro al Comune di Arco per la realizzazione della Pista ciclopedonale tra la galleria del Monte Brione ed il Ponte sul Sarca, in bordo strada alla SS240; 400.000 euro al Comune di Nago Torbole per la realizzazione della Pista ciclopedonale in bordo strada tra il ponte sul Sarca in via Matteotti e innesto via Strada Granda - Torbole; 170.000 euro al Comune di Riva del Garda per la realizzazione della Pista ciclopedonale da via Monte Oro a Casa cantoniera (inizio ciclopista del Garda); 570.000 euro al Comune di Tenno per la realizzazione della Pista ciclopedonale da Deva a Pranzo; 336.000 euro per la realizzazione della Pista ciclopedonale da Lago-Bagattoli - Fies; 170.000 euro per la realizzazione della Pista ciclopedonale in Valle di Concei.

Oltre alle piste ciclopedonali, la Comunità Alto Garda e Ledro e i sette comuni hanno concordato lo stanziamento di: 160.000 euro per interventi di mitigazione del rischio e manutenzione straordinaria del sistema Ponale; 50.000 euro per la realizzazione della rotatoria all’intersezione tra la Strada del Linfano e la SS240; 50.000 euro per la realizzazione della rotatoria in corrispondenza dell’incrocio tra il Circolo Vela Torbole e la SS240.

«Accordo trovato con la collaborazione di tutti in poco più di un mese - ha spiegato il Presidente della Comunità Alto Garda e Ledro Mauro Malfer -. Si punta molto sulle ciclabili e sulla mobilità leggera e ciò non riguarda solo la Ciclovia del Garda, che è il nostro Waterfront, ma anche sulle ciclabili dell’entroterra senza le quali il sistema non può funzionare. L’intesa che abbiamo trovato sarà definita nei prossimi giorni». «Abbiamo identificato una serie di lavori aggiuntivi da realizzare sulla strada Ponale quantificabili in 100.000 euro - ha spiegato il Presidente di Garda Trentino Marco Benedetti -. I restanti 60.000 euro li dedicheremo alla sorveglianza e alla pulizia, almeno per ciò che riguarda il periodo estivo e all’individuazione di un’azienda specializzata nella mitigazione del rischio».

«Complessivamente è stato trovato un accordo in tempo zero e con investimenti mirati, verso le reali necessità - ha sottolineato il Sindaco di Nago-Torbole Gianni Morandi -. Due le questioni per noi importantissime: la pista ciclopedonale che va dalla Conca a Riva del Garda e le due rotatorie. Quella di Linfano crediamo di poterla realizzare il prima possibile». «Continuiamo ad implementare una rete di ciclabili che già c’è - ha spiegato il sindaco di Riva del Garda Adalberto Mosaner -. Questo ci permette di potenziare un disegno complessivo dove ogni ciclabile non è fine a se stessa ma si innesta su un’altra ciclabili». «Ha vinto il senso di comunità dei colleghi sindaci e la condivisione nel distribuire le risorse laddove ci sono delle emergenze e dove è necessario, utilizzando il buon senso» ha commentato Tarcisio Michelotti, Presidente della Conferenza dei sindaci.

«L’entroterra del Garda Trentino - ha sottolineato Michela Calzà, vicesindaco di Dro - fa sistema con il Waterfront rappresentato dalla Ciclovia del Garda. Per noi è importante la realizzazione della pista ciclopedonale tra Fies e il Lago Bagattoli». «Per il Comune di Tenno - ha osservato il sindaco Giuliano Marocchi - diventa estremamente strategico realizzare il collegamento da lago a lago, tra il Garda e il Lago di Tenno. Il passaggio attraverso la frazione di Pranzo potrebbe intercettare numerosi bikers e rivitalizzare quella comunità». Per il sindaco di Arco Alessandro Betta «è fondamentale che i comuni abbiano trovato una visione unitaria su ciclabili e mobilità» mentre il sindaco di Ledro Renato Girardi ha voluto ringraziare il Presidente della Comunità Mauro Malfer per l’impegno profuso.

Classificazione dell'informazione

Argomento

comunicazione istituzionale

comunicazione istituzionale