Ti trovi in:

Home » La comunità » Comunicazione » Ufficio Stampa » Nuove risorse per l'ospedale

Menu di navigazione

La comunità

Nuove risorse per l'ospedale

di Lunedì, 24 Ottobre 2016
Immagine decorativa

All'ospedale di Arco sono in arrivo quattro nuovi medici. Previsto, inoltre, uno stanziamento di mezzo milione di euro per il potenziamento del reparto della Procreazione assistita. A darne notizia è stato l'assessore provinciale Luca Zeni nell'incontro con i sindaci e gli amministratori dell'Alto Garda e Ledro riuniti nel Consiglio della salute.

Data di inizio pubblicazione 24/10/2016
Data di fine pubblicazione 31/12/2016

“E' giunto il momento di abbandonare le polemiche, anche pretestuose, e di concentrarsi sulle sfide cui siamo attesi – ha spiegato il presidente della Comunità dell'Alto Garda e Ledro Mauro Malfer – per garantire l'adeguata qualità ai servizi offerti dal nostro presidio sanitario. Oggi vuole essere un nuovo inizio”. L'assessore Zeni, affiancato dal dirigente generale Paolo Bordon, ha illustrato le iniziative messe in campo dalla Provincia per garantire non solo la sopravvivenza dell'ospedale di Arco ma anche una graduale espansione. “I numeri che riguardano questa struttura ospedaliera sono importanti – ha spiegato Zeni – e la dicono lunga sul grado di attenzione che viene garantita dalla Provincia. Attualmente conta 396 unità lavorative e nel bilancio provinciale si assicura una spesa di 36 milioni di euro solo nella parte corrente”. Il primo passo è previsto a breve con l'inserimento in pianta organica del nuovo anestesista che consentirà il ripristino del normale funzionamento di tutti i reparti. “L'assunzione del quarto medico anestesista – ha spiegato il direttore Bordon – garantirà l'attività in sala operatoria delle due sedute di chirurgia ginecologica, la normale chirurgia generale e anche quella ortopedica che potrà essere gestita direttamente ad Arco in una piccola sala gessi che sarà realizzata. L'ospedale ha un grande potenziale ancora da scoprire”. A seguire saranno assunti un altro pneumologo, un medico in più per il Pronto soccorso (in maniera da garantire la presenza continua di 2 medici per un presidio che registra 18 mila accessi all'anno) e quindi un urologo con l'obiettivo di creare un ambulatorio di andrologia e dal mese di novembre anche di partire con gli interventi chirurgici che per Arco rappresentano una novità assoluta.

Data di fine validità
31/12/2016