Ti trovi in:

Home » La comunità » Comunicazione » Ufficio Stampa » Novità buoni mensa

Menu di navigazione

La comunità

Novità buoni mensa

di Mercoledì, 28 Dicembre 2016 - Ultima modifica: Venerdì, 30 Dicembre 2016
Immagine decorativa

La Comunità dell'Alto Garda e Ledro, per venire incontro alle esigenze delle famiglie, ha introdotto nuovi sistemi di pagamento dei buoni mensa. D'ora in avanti si potrà effettuare la ricarica anche inviando un semplice messaggino con il proprio cellulare: basterà scrivere un sms al numero preposto e la ricarica sarà subito operativa. 

Data di inizio pubblicazione 28/12/2016
Data di fine pubblicazione 31/01/2017

L'iniziativa è stata avvallata nei giorni scorsi dal Comitato esecutivo guidato dal presidente Mauro Malfer su input della vicesegretaria Michela Donatini. La delibera introduce nuovi sistemi di pagamento da parte degli utenti e fa parte del processo di dematerializzazione dei ticket per i pasti mensa avviato ormai da qualche anno con risultati positivi ed un crescente apprezzamento da parte delle famiglie. L'obiettivo è rendere il più facile possibile l'espletamento della pratica anche per limitare l'esposizione debitoria delle famiglie dovuta a problemi pratici e logistici o a dimenticanze. Alla fine dello scorso anno scolastico, infatti, si contavano mille utenze (quasi un quarto del totale) che presentavano un saldo negativo concernente il pagamento dei buoni mensa per un ammontare complessivo superiore ai 20 mila euro. Nella maggior parte dei casi si trattava di ritardi o disguidi prontamente rientrati nel momento in cui la Comunità ha avvisato le famiglie del debito contratto e della necessità di porvi rimedio. Ora i nuovi sistemi di pagamento sono addirittura due. Il primo, come detto, è la ricarica del credito riferito al singolo scolaro o studente tramite un sms, servizio messo a disposizione dalle Casse Rurali Trentine per i propri clienti abilitati. Il messaggino va inviato al numero 339 9942024 e deve riportare nel testo i seguenti riferimenti: RBC9, l'importo della ricarica, il codice id (codice banca dello studente), la prima lettera del cognome dello studente. Esempio chiarificatore. Lo studente Mario Rossi vuole caricare 50 euro pertanto si deve scrivere: RBC9 50 12345678 R. Per ogni operazione di ricarica andata a buon fine verrà addebitato, in aggiunta alla somma ricaricata, 1,25 euro di commissione bancaria e questo vale anche per l'altro nuovo sistema introdotto in questi giorni, in realtà già operativo da prima di Natale, il pagamento tramite Mav (Mediante Avviso) attraverso inbank, come già facciamo ogni giorno per moltissime altre tipologie di pagamento. Basta accedere all'apposita maschera del portale Internet della propria banca (qualsiasi banca) e seguire la normale procedura.

Data di fine validità
31/01/2017