Ti trovi in:

Home » La comunità » Comunicazione » Ufficio Stampa » Bonifica della Maza e riorganizzazione dei Centri di Raccolta

Menu di navigazione

La comunità

Bonifica della Maza e riorganizzazione dei Centri di Raccolta

di Sabato, 12 Agosto 2017
Immagine decorativa

Dato che con il CR della Maza attualmente sono serviti tutti i Comuni della Comunità Alto Garda e Ledro verrà messa in atto una riorganizzazione di tutti gli altri Centri di Raccolta presenti sul territorio. 

Come noto sono in corso di appalto da parte della P.A.T. i lavori per la realizzazione del collegamento viario Passo San Giovanni – località Cretaccio, opera attesa da anni, che riveste evidente interesse sovra comunale e strategico a livello provinciale. Il tunnel di collegamento avrà sbocco nell’area occupata dalla vecchia discarica della Maza in Arco, che dovrà essere preventivamente bonificata, sulla quale insiste anche l’attuale stazione di trasferimento rifiuti, in cui convergono i mezzi preposti alla raccolta operanti nel bacino di utenza della Comunità Alto Garda e Ledro prima del conferimento agli impianti di trattamento o recupero.

Per consentire la bonifica dell’area, tale stazione di trasferimento sarà collocata nella parte superiore della discarica, nell’unico spazio finitimo e funzionalmente disponibile, oggi adibito a Centro di Raccolta (e CRZ), il quale dovrà necessariamente essere dismesso (rimarrà accessibile agli utenti solo in minima parte, per consentire il conferimento delle sole ramaglie). La chiusura del Centro di Raccolta della Maza è prevista per la fine di settembre 2017, data in cui presumibilmente inizieranno i lavori di adeguamento delle strutture esistenti al fine di ospitare la nuova Stazione di Trasferimento rifiuti.

Dato che con il CR della Maza attualmente sono serviti tutti i Comuni della Comunità Alto Garda e Ledro, a partire da tale data, verrà messa in atto una generale riorganizzazione di tutti gli altri Centri di Raccolta presenti sul territorio della Comunità, modificandone parzialmente i bacini di utenza, come segue:

- gli utenti residenti nel comune di Arco potranno recarsi presso:
Centro di Raccolta sito in loc. Baltera a Riva del Garda;
Centro di Raccolta di Ceniga presso a Dro;

- gli utenti residenti nel comune di Nago-Torbole potranno recarsi presso:
Centro di Raccolta sito in loc. Baltera a Riva del Garda;

- gli utenti residenti nel comune di Riva del Garda e Tenno continueranno a recarsi presso:
Centro di Raccolta sito in loc. Baltera a Riva del Garda;

- gli utenti residenti nel comune di Dro continueranno a recarsi presso:
Centro di Raccolta di Ceniga a Dro;

- gli utenti residenti nel comune di Drena continueranno a recarsi presso:
Centri di Raccolta di Drena e di Ceniga a Dro;

- gli utenti residenti nel comune di Ledro continueranno a recarsi presso:
Centri di Raccolta di Pieve, Tiarno e Bezzecca;

Per far fronte al maggior numero di accessi presso i CR di Riva del Garda e Dro ne verrà ampliato l’orario di apertura e potenziato il personale addetto alla gestione, garantendo di fatto un miglioramento del servizio per tutti i censiti. Si segnala inoltre che sono in via di completamento i lavori di costruzione del nuovo Centro di Raccolta in loc. Mala a Nago e non appena agibile, tale centro potrà essere utilizzato dai residenti del comune di Nago-Torbole e, a supporto degli altri due centri, anche dai censiti di Arco. Considerati i vantaggi che il futuro collegamento viario Loppio-Busa porterà alla nostra comunità, sia in termini di mobilità più snella e veloce, sia in termini ambientali, poiché rappresenta l’occasione per la riqualificazione del sito della ex discarica, si chiede alla collettività di tollerare eventuali minimi disagi che dovessero derivare da tale riorganizzazione dei Centri di Raccolta, anche alla luce del fatto che la soluzione prospettata si configura come transitoria, in attesa della messa a regime del sistema con la realizzazione del nuovo CR di Arco e CRZ definitivi in loc. Patone del Comune di Arco, che la Provincia Autonoma di Trento si è assunta l’impegno di realizzare presumibilmente entro il 2020.

«L'importante lavoro svolto - afferma il presidente della Comunità Alto Garda e Ledro Mauro Malfer - ha coinvolto tutti i Comuni, che si sono resi disponibili al fine di permettere alla Provincia di iniziare i lavori di bonifica, come da programma. Pur comprendendo i piccoli disagi che si possono venire a creare, è opportuno ricordare i grandi benefici futuri in ottica di miglioramento della viabilità e, non l'ultimo, quello derivato dalla bonifica dell'area interessata».

Significativa la collaborazione in tal senso della ing. Giovanni Battista Gatti del Servizio gestione Impianti della Provincia Autonoma di Trento e quella dell'ing. Mauro Groff, del Servizio Opere Ambientali, che dirige i lavori di bonifica della Maza.

Classificazione dell'informazione

Argomento

rifiuti ed igiene urbana

rifiuti ed igiene urbana

comunicazione istituzionale

comunicazione istituzionale